60 anni di matrimonio: auguri sfavillanti!

 

IMG_2413_new

 

Questo articolo è un po’ speciale, del resto non capita tutti i giorni di festeggiare 60 anni di matrimonio!

Ti racconto una storia che forse assomiglia a tante altre.

Renzo e Maria sono molto giovani. Si conoscono, si frequentano e si innamorano.

I due giovani decidono di sposarsi. Dal loro amore inizia una nuova piccola vita.

Dopo la prima figlia  ne arriva anche una seconda.

Il loro duro lavoro li porta ogni giorno a stare tante ore fuori casa, lontani dalla famiglia; giorno dopo giorno affrontano la quotidianità con tutte le difficoltà e le sfide che si presentano di volta in volta, con entusiasmo e semplicità, vivendo appieno i momenti belli della vita.

Con il tempo le figlie crescono, si sposano e regalano ai giovani nonni quattro splendide nipotine.

Tutto sembra ripetersi all’infinito…soliti gesti, stesse parole, stessi sguardi. E nell’apparente quotidianità delle cose, come un seme trova la vita fino a diventare una piccola piantina che cresce, cresce sempre più fino a diventare un quercia forte e robusta,  così il loro amore, la loro complicità viene rafforzata sempre più, espressione di 60 anni di vita vissuta fianco a fianco.

Con questo articolo voglio rendere omaggio alla tenacia di stare insieme nonostante tutto, al coraggio che gli ha consentito di affrontare tutte le sfide della vita, e all’amore cresciuto e custodito nonostante il passare degli anni e che li accompagnera’ ancora per molti altri ancora…

Voglio festeggiare mia zia Maria e mio zio Renzo e ringraziarli per l’esempio che sono sempre per tutta la nostra famiglia…. INFINITI AUGURI per i vostri 60 di matrimonio!

 

 

IMG_2766

 

 

 

 

IMG_2411_new

 

 

IMG_2410_new

 

 

IMG_2412_new

 

 

 

 

Tutti i diritti relativi al testo, immagini, files di questo articolo sono dell’autore ed amministratore del blog www.bimbidicarta.com

 La riproduzione è vietata con qualsiasi mezzo analogico o digitale, ad esclusione dell’uso meramente personale, senza il consenso scritto dell’editore.

 

 

Lascia qui il tuo commento...