La ginnastica per gli occhi

gatto-con-gli-stivali

 

Quanto è bello disegnare? Beh, se lo chiedi ad una illustratrice come me la risposta dovrebbe essere scontata, eppure ci sono dei momenti che tanto scontata non è.

Certo, se vivessi solo ed esclusivamente per il disegno e fossi assolutamente estranea a qualunque contatto con la realtà quotidiana allora tutto sarebbe fantastico, mentre il folletto che crea magia e disegna per te è anche una moglie attenta ed una madre di due splendide creature, e sappiamo bene quanto gli impegni quotidiani possano inficiare il nostro rendimento anche nel portare avanti le nostre passioni.

I miei impegni quotidiani spesso  mi portano a dedicare tempo a me stessa ed ai miei amati disegni verso sera, quando ormai è scesa la tranquillità in casa e il mio tavolo da disegno è lì pronto ad aspettarmi paziente; ed ecco che accendo la mia lampada, preparo i miei colori, gusto con gioia l’odore della carta su cui andrò a realizzare le mie fantasie e, come spesso capita anche a chi più giovane di me si mette davanti ai libri di scuola, ecco che, dopo un po’,gli occhi cominciano a pizzicare , magari ad affaticarsi nel mettere a fuoco il foglio che si ha davanti.

Bene, smettiamo e rimandiamo a domani? Assolutamente no!

Grazie ad alcuni amici fantastici, ho imparato delle tecniche di rilassamento degli occhi che aiutano a riacquisire la mobilità e la freschezza dell’occhio in pochi minuti, ecco come (tutti i movimenti dovranno essere fatti lentamente, con coscienza e stirando il più possibile il muscolo oculare, esercitando un vero e proprio “stretching”):

–      sbadiglia guardando verso l’alto;

–      fai 20 movimenti orizzontali (destra – sinistra, sinistra – destra);

–      fai 20 movimenti verticali (alto – basso, basso – alto);

–      fai 20 movimenti diagonali (20 per ciascuna diagonale);

–      fai 10 movimenti a mezzaluna verso l’alto;

–      fai 10 movimenti a mezzaluna verso il basso;

–      fai 10 movimenti circolari completi, alternando prima in un senso e poi nell’altro.

Dopo la “ginnastica”, qualche istante per recuperare:

–      sbadiglia verso l’alto per distendere i muscoli;

–      sfrega le mani con forza in modo da riscaldare i palmi;

–      sfiora gli occhi chiusi con i palmi, in modo da scaldare l’occhio senza effettuare alcuna pressione;

–      batti ripetutamente le palpebre, prima con battiti decisi e poi via via sempre più delicato e veloce, in modo da pulire e lubrificare perfettamente l’occhio.

Ed eccomi pronta per ricominciare a disegnare!!

 

 

(Tutti i copyright dell’immagine sono degli aventi diritto )

Lascia qui il tuo commento...